1. Post-social visions

    What’s next after Facebook? Facebook itself or something else?

    First scenario: Facebook expands to a higher level and becomes THE Internet. You will chat, buy, hire, book, play via Facebook. This is what Facebook is trying to do.

    Second scenario: Facebook makes some error, and we continue operating the same actions we do on Facebook on some other social network.

    But do you really see yourself doing it by spending on Google+ the same amount of time you spend on Facebook? Maybe we will, but I can’t figure it out. 

    First, there is the growing living room and mobile Internet trend, and new platforms dictate new rules. 

    Second, what really social interaction is? A matter of having a profile, and setting some permissions.

    Think about it. Apart from the content you post or share (photos, text posts, music, videos, news, location) what really is Facebook? A matter of who sees what.

    All the forementioned content can be posted or shared without Facebook; think of Instagram, YouTube, Twitter, Flipboard, FriendFeed, Foursquare… the real problem is having the control about who sees it.

    Facebook is fighting a war to incorporate all this, but maybe they should focus on what they have, and not on what they have not.

    Facebook has our friends’ database, but it doesn’t really own it; we keep it there because our friends are there, and there we have the opportunity to meet them; but you can see how we all have our friends also on G+, and if some unfortunate event should make Facebook lose its hype, we are ready to turn it off and leave for G+.

    So, what else? Having a profile and controlling permissions.

    The new scenario for the social network of the future can be very simple: grant me an access to a profile, and let me define how other profile owners see my content. Give me a meta-login to all my online services, and host my buddies in an unique aggregation, letting me decide the permission groups (G+’s Circles are a great solution).

    A galaxy of micro-services kept together by the oldest glue of all: relationship. What we need is the digital extension of our feelings.

    So, goodbye social network, welcome social networking?

  2. Anti-social

    La strategia di diffidenza verso i social media di certe marche (e anche di certe agenzie) può confrontarsi con una notizia come quella dell’accordo fra Facebook e Heineken (come già fatto da Diageo in passato) per accedere in modo privilegiato a operazioni di marketing congiunto sviluppate sul social network, sperimentando insieme sulle nuove soluzioni; questo renderà difficile se non impossibile alla concorrenza creare occasioni di “engagement” altrettanto efficaci, perlomeno per primi.

    Il che, tradotto, significa che anche l’aver lavorato molto con una piattaforma come Facebook (oltre al denaro sonante) può portare a scelte di questo tipo; la frequentazione reciproca ha sicuramente fatto maturare il rapporto fra la marca e il social network.

    Chi ne sta lontano per diffidenza o paura, anche se avesse i soldi da mettere sul tavolo, deve ancora cominciare da zero a capire come, e se, lavorare con Facebook.

    E le cose sono due: o Facebook scomparirà, e allora avrà fatto bene chi ne sta lontano, come è stato per Second Life (ma lo hype di Facebook mi sembra comunque durare di più e essere più ampio di quello del mondo virtuale), oppure alcune marche si sentiranno lasciate molto, molto indietro.

  3. Social Media: ipotesi di complotto?

    Sono sempre stato un sostenitore dell’open source philosophy, dalla collaborazione, della circolazione delle idee con attribuzioni “liquide” dei diritti.

    Ma proprio per questo, dopo l’adesione ai social network nella fase “comportamentale” (fornitori di un servizio alla persona in base a loro necessità) mi sento di riflettere sui social network attuali, più “pubblicitari” (fornitori di contatti alle marche per le attività di vendita).

    Oggi tutte le marche stanno correndo al brand channel, alla facebook page, alla presenza “là dove il pubblico si trova”. E sono d’accordo, errore grave era stato agli albori di Internet (per quei pochi che non erano riusciti nell’intento, almeno) cercare di produrre ognuno il suo proprio “portale” che aggregasse il pubblico, spendendo in molti casi cifre eccessivamente alte, per poi vedere le persone concentrarsi su un pugno di indirizzi web.

    Ma (è il secondo periodo che inizio con il “ma”, e allora???) alla necessaria riflessione su come entrare in contatto con il pubblico nella quota di tempo che essi trascorrono su Internet, con la consapevolezza che percentualmente il loro tempo lo passeranno su siti di cui non abbiamo il controllo, la risposta dovrebbe partire dal contenuto, non dal contenitore.

    Ho l’impressione che stiamo aprendo vetrine, come già accaduto su Second Life, senza pensare a cosa mettere sugli scaffali.

    Il consiglio è: pensiamo alla nostra marca e a come connetterla con il pubblico, a tutte le cose che possiamo fare, ma soprattutto a quelle che già facciamo, che costituiscono un valore nei confronti della persona. I punti di contatto verranno da soli, un come naturale percorso che porta il fiume al mare, una volta che abbiamo il controllo del nostro contenuto, della personalità della nostra marca, del tono di voce di una promozione o di una attivazione, di un comunicato stampa o di una campagna di lancio.

    Ho l’impressione che Facebook e YouTube stiano gongolando nel vederci cadere nella loro rete, pagando cifre che una volta venivano destinate alla gestione della propria identità digitale (il “sito”), per essere invece presenti sui loro scaffali, come dei Carrefour o delle Esselunghe che ben presto ci ricatteranno, e già ora vendono i nostri stessi prodotti, ma con “private label” al nostro stesso pubblico (le aziende).

    Non è che promuovendo il social web stiamo agendo da salesmen di Facebook e YouTube, senza provvigione però?

  4. Why Social could kill Google

    Being aged means having seen. And if you have seen, you can easily see in some events the reflection of the past.

    I was there when Google changed our way to surf the web, making the now-famous white-with-the-coloured-logo interface the starting hub for almost everything we do on line.

    Given the fact that in a non-social web data was the treasure, in the social web the treasure should be connections, or, to say it better, information through conversations.

    And, of course, I found out it has already been thought and said

    The problem is, who will benefit of this? Will Facebook become our next “operating system for the web” and thus our next starting hub? Or there is something else waiting?

    To start monitoring it, look out for this behaviour: when someone around you will come to you confusing Facebook with “the web”, that’s what happened when Google became Google. Look for it.

  5. Digitally exposed

    The news that Facebook is creating “vanity URLs”, that is, your Facebook personal page, made someone wonder if this could be the wrong step that will de-Face the Book and make it tumble down.
    Personally I think it’s just a step further towards our (and next generations’) total digital exposition, when every single word you say, photo you post, song you listen to, will be public, unless you filter it for some target only.
    Facebook personal pages are not “letting the mob into your private party” (unless you don’t know how to choose the guests) but maybe giving you the opportunity to show to the world some features of the party that you want to share.

    Imagine you start the party drinking a beer, then at the second beer you afford to dance with the queen of the party, the girl everybody is trying to dance with, but unfortunately you end up with your head in the toilet at the 45th beer. You firmly don’t want your ma and your boss to see the end and the beginning, but what about having the whole-freaking-world-seeing-you-dancing-with-that-beauty?

    My colourful example is to tell that maybe Facebook is giving us an opportunity; well-used, the Facebook personal page could be another piece of the mosaic of our enriched, and growing, digital personality.

  6. blog comments powered by Disqus